La signora con la falce

Posted by in Viaggio

Svegliati a Ella con la pioggia, indecisi sul da farsi abbiamo polleggiato sulla veranda di casa. Annoiati dalla bellezza del posto, abbiamo deciso di ravvivare la giornata prendendo il bus locale per andare ad Haputale/ne. L’uso locale prevede : – salita e discesa al volo -trovare un posto a sedere il prima possibile in quanto stare in piedi è piuttosto difficoltoso  -estrarre rosario e iniziare a pregare.  Circuito Ella – Bandarawela: chi pensava di finire in una sfida di sorpassi tra autobus?! Lunghezza: 5km di curve su strada bagnata a due corsie, una in costruzione e l’altra semi franata. Alla curva 3 superiamo l’autobus in sfida che ci precedeva alla partenza, convinti di tagliare il traguardo in pole position lo sfidante si infila tra noi e la safety car ( camion de fien) rischiando un frontale con un mezzo evidentemente contromano (secondo loro). Fortunatamente il nostro pilota é stato veloce nel frenare e lasciarlo passare. In quel momento passava le strisce pedonali la donna con la falce…..arrivati a Bandarawela, dopo aver baciato terra, abbiamo preso il bus per Haputale, molto più rilassato e con tanto di sottofondo musicale.  Bene. Arrivati ad Haputale ci siamo fermati nel primo posto trovato con del cibo. Indian food. Mangiato rigorosamente con le mani, tra gli occhi sorridenti dei locali e quelli schifati dei turisti. Prendiamo il tuk tuk verso Little “Shining” holiday inn, dove veniamo accolti da un dolce ragazzo che ci accompagna in camera attraverso struttura con cemento armato a vista, impalcatura di bamboo a vista, muffa a vista, scafalaggi al momento non pervenuti. Quindi cambiamo. Ci dirigiamo verso “big Shining” holiday inn…. Accolti con preghiera, forse mussulmana, in filodiffusione sulla cittá…..Migliore del precedente, ma….. Cos’è quella cosa appiccicata alla coperta di Kikka?! Non sará mica un pidocchio vero? Nel dubbio domani partenza moooooooolto presto.

image