Sampei vs jellyfish

Posted by in Viaggio

Un gruppo di bambini thailandesi gioca divertendosi sulla spiaggia. Il “nostro” cane dorme, due ragazzi probabilmente inglesi leggono libri. Un gruppo di amici beve cocktail sdraiati sulle stuoie. Musica lounge suona dal baretto. Il tramonto è iniziato. Il suono del mare rilassa la mente, qualcuno fa ancora il bagno. In lontananza il fumo dei barbecue che si accendono fuori dai ristoranti. Qualcuno passeggia a riva. Si sente una risata in sottofondo. Un “chao lay” porta il pesce.
Ecco cosa sto vedendo in questo momento. Così passano le giornate. Rilassate. Senza tempo. Non so che giorno sia oggi, non so che ore sono e non mi interessa saperlo.
L’altro giorno abbiamo chiesto ad un ragazzo se ci portava a pescare in mare aperto. Esperienza incredibile,non tanto per la pesca ma per il fatto che sembrava di essere su un “tagadà”. Onde altissime e con una long tail non è proprio facile, si sbilancia continuamente e hai continuamente la sensazione di cadere da un secondo all’altro…. Ma ci siamo davvero divertiti. Una volta che capisci che la barca non si può capovolgere allora te la godi come un bambino sulle montagne russe. Per quanto riguarda la pesca che dire…. Bebo e il nostro pescatore uno affianco l’altro, stesso filo, stessa esca, stessa posizione ..……………. Bebo 2- Pescatore 273628397;9239:’cjsmMn mila pesci…. Che ridere! Dopo due ore così, il nostro amico vedendoci avviliti come porcelli ci chiede se vogliamo fare un po di snorkeling in un bel posto! Bè certamente… Se non siamo capaci di pescarli almeno cerchiamo di vederli…. Arriviamo in una piscina naturale bellissima… Ti sembra che il fondo sia mezzo metro sotto di te da quanto limpida è l’acqua. Felici ci tuffiamo e iniziamo la nostra gita sott’acqua…Wow. Ci sono dei pesci pazzeschi, colorati, grandi, piccoli. C’è nemo! Il mio preferito. Poi ad un certo punto io inizio a sentire delle cose attorno a me. Panico. Ma che ca…… è?! Eravamo circondati da un miliardo di piccole meduse lunghissime e stranissime fatte a pallottolini ( non sono per nulla urticanti eh)… Io nel panico più totale )mi fanno schifo) corro verso la barca…. Bebo come niente fosse continua la sua nuotata. Dopo un po rientriamo a Lipe e il nostro caro pescatore ci guarda in faccia e ci dice…. Bè prendetevi pure i pesci e ve li fate cucinare! Wow! Tutti fieri andiamo a berci una birra e a mangiare il “NOSTRO” buonissimo e freschissimo tonno e qualche jackfish.. Spettacolo eh! Peccato che dopo mezz ‘ora io inizio a vedere tutto che si muove come in barca. Minchia no! Il Mal di terra. Vabbè. Vado a letto e dormo mangiata dalle zanzare.
Il giorno dopo spiaggia, bagnetto, dormita, cibo, libro e così continuano le nostre giornate qui.

(p.s.: consigliatissimo un massaggio thai…. Dove ti strizzano e schiacciano come una spugna. Sembra più un incontro di muay  thai, ma una volta finito ti senti davvero meglio)

image

image

image

image

image

image