Un’ isola deserta

Posted by in Viaggio

Ecco…avete idea quando non ne potete più di tutto quello che vi circonda, di quello che vi succede, del lavoro, del telefono, degli amici, parenti serpenti …. insomma di tutto e un po’ e dite: Quanto vorrei essere in un’isola deserta senza niente? Ecco, è esattamente quello che faremo per qualche giorno….

Riassunto: si è vero fino a qualche mese fa vi ho detto: noooo quest’anno niente viaggi, sai la casa da sistemare, il lavoro… bè ecco quando hai uno spirito nomade difficile resistere. Soprattutto quando trovi una super occasione di volo e soprattutto quando sei in pieno esaurimento nervoso da lavoro, sta per iniziare la stagione e tu devi ancora fermarti qualche giorno a prendere fiato. quindi ho resistito come un bambino con le caramelle. Impossibile. Detto fatto. Volo prenotato.

Destinazione? FILIPPINE!

Con chi? Quest’anno un nuovo svaligiato: Andrea.

Per sapere chi è basta sapere che il suo motto è “più estremo è meglio è”. L’adrenalina è il suo pasto principale.

Benissimo, volo c’è, compagno di viaggio anche…. ora bisogna capire cosa fare. I giorni questa volta sono “pochi” solo 15, di cui tre di viaggio.

Nelle Filippine ci sono un sacco di cose da vedere: i terrazzamenti di riso di Banaue patrimonio Unesco, 37 vulcani, il fiume sotterraneo più lungo al mondo, parchi nazionali marini, squali, stelle marine,  l’isola più bella del mondo… ed è proprio qui, a Palawan, che abbiamo deciso di andare per iniziare l’avventura. Non sappiamo ancora cosa faremo, sappiamo solo che passeremo tre giorni su un’isola deserta in tenda in un parco nazionale. Isolati da tutto e da tutti. (tranquilli, ci portano e ci vengono a prendere…. forse).

Bene, ora finisco due lavori e poi vado a preparare lo zaino!

Fly to a dream.

rob